Viaggio in America – Ivan Mazzocchi


Innanzi tutto un grazie di cuore a Tosca Lorena e Carlo, per la disponibilità, la professionalità e la pazienza nell’organizzare questo viaggio (solo 7 gg ma intensi), rispondendo a tutte le mie domande, talvolta anche banali, e alle mie esigenze (viaggio con due figli Giulia 14 anni e Lorenzo 11 anni), trovando voli e coincidenze con orari perfetti in modo da godermi a pieno i gg a disposizione e un hotel a NY fantastico per posizione e struttura. In questa settimana ho attraversato e visitato 4 stati (NY – Connecticut – Massachusetts – Rhode Islands). NY la conosciamo, mille colori mille persone, mille profumi e mille cose da vedere. Finiti i tre gg a NY, insieme a cugini lontani, via in macchina verso nord, direzione Connecticut. Senza accorgersene si cambia mondo… una dimensione completamente diversa, strade infinite che attraversano il verde rigoglioso dei boschi, cervi sul ciglio della strada a guardare chi passa e una sensazione di libertà che invade l’anima. Il CT è la classica provincia americana, fatta di gente gentile che saluta tutti (anche chi non conosce), che vive in case ad un piano, tutte bianche e senza cancelli, con un prato che sembra tagliato con le forbici e l’immancabile bandiera in giardino. Questa la base di partenza per visitare il Rhode Islands, Newport sull’atlantico. Ricca, ricchissima cittadina turistica che si affaccia sull’oceano, raggiungibile da un ponte meraviglioso, lunghissimo e fatto ad arco. Ville curatissime e residenza estiva dei Kennedy. Per uno spuntino on the road, ci siamo fermati sulle rive dell’oceano dove abbiamo preso (teake away) un pasta fritta fatta con vongole e non so cos’altro ma buonissima. Vista la città e passeggiata a strapiombo sull’oceano, via di ritorno in CT e stop in un locale dove fish and chips e hamburger ci aspettavano sorridenti. Nel vagare x il CT, ci siamo imbattuti in “ristorante” per un pranzo veloce, nel quale la prima sensazione è stata quella di trovarsi in un film di Tarantino, difficile da descrivere ma bellissimo, sensazionale, fuori da qualsiasi rotta turistica. La necessità di spedire alcune cose a casa, mi ha portato in un post office di Oakville (CT), sembrava di essere in un film western…. la scritta post office a caldo su un pezzo di legno, l’ufficio non più grande di 20 mq e l’operatore gentilissimo che appena ha capito che ero italiano mi ha fatto più domande lui della commissione d’esame alle superiori…. Per tutto questo accompagnato in macchina decapottabile in mezzo ad un paesaggio indescrivibile con sottofondo dei Creadence clear watar (a palla) …. Infine Boston con le sue caratteristiche case in mattoni rossi che contrastano con i grattacieli di nuova costruzione, una piazza immensa, fatta di locali, artisti di stradaL musica e giovani (non per niente è sede sia dell’IMT e di Harvard), un bellissimo porto e una Little Italy accogliente, pulita e molto gentile…. Poi…. poi via, lasciando qualche lacrima nel salutare parenti e amici, ma portando con me, ricordi, sensazioni, sapori e profumi che rimarranno per sempre nella mia e nella mente dei miei figli

13709870_1630783950545657_3751090879463268285_n

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© viaggia-mondo.it - Credits by Excellent Marketing | P.I.04440600403